Pendolari per salute, ecco perché dobbiamo investire e rafforzare la sanità pubblica
23 Gennaio 2018
Per Idy Diene e contro il razzismo, sul Ponte Vespucci ci sono fiori e scuse
7 Marzo 2018

 Sul piano di dimensionamento della Regione Toscana ho presentato un’interrogazione all’assessorato all’Istruzione, Cristina Grieco. Con l’entrata in vigore del piano i posti in esubero sarebbero 50, tra collaboratori scolastici e assistenti amministrativi, così ripartiti nei territori interessati:  11 a Empoli; 17 a Sesto Fiorentino, 14 a Pistoia, 8 a Borgo San Lorenzo.

 

Il percorso avviato dalla Regione Toscana verso la realizzazione di istituti scolastici comprensivi potrebbe avere conseguenze negative sulle comunità scolastiche di territori che non hanno le caratteristiche per procedere in questa direzione. Questo perché, secondo il piano di dimensionamento per il 2018/2019 approvato dalla Regione Toscana, dovranno comunque procedere con la realizzazione di plessi complessivi. Si tratta dei territori di Borgo San Lorenzo, Pistoia, Empoli e Sesto Fiorentino; a ciò si aggiunga la riduzione in tutta la regione di circa 5000 studenti. L’Ufficio scolastico regionale ha calcolato che la creazione degli istituti comprensivi causerebbe la perdita di 50 posti di lavoro tra il personale Ata della Regione: 8 assistenti amministrativi e 42 collaboratori scolastici. Uno scenario che penalizzerebbe la qualità dei servizi scolastici. Pertanto chiedo all’assessorato all’Istruzione, Cristina Grieco, se Regione Toscana ed locali hanno valutato  l’impatto del dimensionamento degli istituti sugli organici del personale scolastico, e se sono stati presi in esame i motivi, non solo economici ma anche legati al numero di iscrizioni, che finora non hanno permesso ad alcuni amministrazioni locali di procedere con la costituzione dei comprensivi. La suddivisione territoriale per disegnare i tre istituti è un passaggio molto delicato, che deve tener conto della qualità dell’offerta formativa e della fruibilità dei servizi. A situazioni di questo tipo, in cui potrebbero essere messi a rischio qualità formativa, accesso ai servizi e posti di lavoro, invito l’assessorato di competenza ad avviare un percorso di ascolto con i sindacati e con tutto il mondo della scuola.

 

 

 

 

Commenta con Facebook