Violenza sulle donne, mozione in Consiglio regionale: “Caso Buscemi a Pisa è inquietante. Nessuna forza politica, nessun ente locale si senta esonerato dal contrasto alle discriminazioni di genere”

Per l’alternativa – Il mio intervento all’assemblea nazionale di Art.1-Mdp.
23 Luglio 2018
Articolo Uno Mdp, Serena Spinelli eletta coordinatrice regionale: “Forti delle nostre idee, costruite con tanti e non con pochi potremo misurarci con tutti”
27 Luglio 2018

A seguito della nomina di Andrea Buscemi ad assessore alla cultura della città di Pisa e delle numerose mobilitazioni che hanno visto l’adesione di associazioni del territorio e il forte impegno della Casa della donna di Pisa e dell’intera comunità, insieme alla consigliera regionale del Pd, Alessandra Nardini abbiamo presentato una mozione per chiedere alla Giunta un impegno volto a sensibilizzare gli enti locali alla promozione di politiche di genere e iniziative di contrasto alla violenza sulle donne.

La Regione Toscana ha tutti gli strumenti per perseguire e rafforzare la lotta alla violenza di genere, promuovendo azioni a tutti i livelli istituzionali. Ci appelliamo alla Giunta regionale affinché valori come il contrasto alla violenza di genere e la promozione della cultura delle pari opportunità siano rispettati da tutti, soprattutto da coloro che ricoprono incarichi politico-amministrativi.  Allo stesso tempo è fondamentale  continuare con progetti di formazione /sensibilizzazione rivolti alle scuole finalizzati al superamento degli stereotipi di genere e alla cultura dei diritti e delle pari opportunità, così come sancito nello Statuto regionale e nei provvedimenti legislativi in materia.

Questa mozione nasce dalla necessità di raccogliere l’appello di una forte mobilitazione nata a Pisa, a seguito dell’iniziativa assunta dalla Casa della donna, e dal contributo di Articolo Uno Mdp Pisa che ha sottoposto ai gruppi consiliari del comune di Pisa un’analoga mozione, la quale sarà prossimamente discussa in consiglio comunale. L’obiettivo è quello di favorire e sostenere il contrasto alla violenza di genere in particolar modo negli enti locali, dove i rappresentanti delle istituzioni svolgono un ruolo di raccordo imprescindibile con le comunità. Il caso che ha scatenato tale mobilitazione è noto, la nomina di Andrea Buscemi ad assessore alla cultura del Comune di Pisa; scelta su cui abbiamo già espresso la nostra preoccupazione e il nostro disappunto. Per questo, sentiamo la necessità di chiedere alla Giunta regionale uno sforzo volto a ribadire un’azione sinergica con le istituzioni locali per il contrasto alla violenza sulle donne in tutte le sue forme e circostanze. Ricordiamo che l’ultimo Rapporto sulla violenza di genere in Toscana dice che dal 2009 al 2017 sono circa 19mila le donne che si sono rivolte, per la prima volta, a un centro antiviolenza; 3000 solo nell’ultimo anno. Numeri inquietanti. Siamo di fronte a un fenomeno su cui nessuno deve abbassare la guardia. Né le istituzioni e dunque i suoi rappresentanti, a tutti i livelli, né le forze politiche di qualsiasi colore esse siano. Nessuno si senta esonerato da questa battaglia prima di tutto culturale, soprattutto chi ricopre un ruolo nelle istituzioni.

Commenta con Facebook