Sanità, Valdelsa e area fiorentina; semplificazione percorsi tra le due Ausl. Il 25 luglio la firma dell’accordo; impegno atteso dal territorio

Raduno dei Partigiani e dei Giovani a Monte Giovi; qui le nostri radici libere e democratiche
10 Luglio 2017
Disabilità e percorsi personalizzati. Perché dobbiamo fare di più
19 Luglio 2017

 

La risposta dell’assessore alla Sanità, Stefania Saccardi a seguito dell’interrogazione dei consiglieri regionali Serena Spinelli e Simone Bezzini sull’integrazione dei servizi tra l’Ausl Toscana Centro e l’Ausl Toscana Sud Est

 

 Il 25 luglio saranno firmati gli accordi di collaborazione che agevoleranno l’accesso integrato ai servizi sanitari delle confinanti Ausl Toscana Centro e Ausl Toscana Sud Est, nei territori compresi tra la Valdelsa senese e il sud della provincia di Firenze. Un passo avanti importante, un impegno atteso da tempo da questi territori. Siamo soddisfatti della notizia comunicataci in Aula dall’assessore Stefania Saccardi a seguito dell’interrogazione in materia che abbiamo presentato circa due settimane fa. Ringraziamo l’assessore per l’attenzione e per la tempestività della risposta. Il nostro scopo era proprio quello di sollecitare la Giunta affinché si arrivasse ad un passaggio chiaro e concreto volto a facilitare l’accesso ai servizi socio-sanitari in questi territori limitrofi.

 

In particolar modo nell’interrogazione ci riferivamo al caso degli abitanti dei Comuni di Certaldo, Barberino Val d’Elsa e Tavarnelle Val di Pesa che per le cure ospedaliere si rivolgono all’ospedale di Campostaggia a Poggibonsi, poiché più vicino rispetto all’ospedale di riferimento della zona di appartenenza. Pochi mesi fa siamo stati invitati a un’assemblea a Vico d’Elsa in cui ci vennero sottoposte le difficoltà delle persone inserite in distretti socio sanitari dell’area fiorentina ad accedere normalmente ai servizi offerti dal monoblocco della Valdelsa senese. Con la firma di questo accordo di collaborazione facciamo un altro passo avanti rilevante verso un’attuazione più completa della riforma sanitaria regionale, che ha gli obiettivi anche quello di rispondere adeguatamente alle esigenze dei cittadini nei territori.

 

 

Commenta con Facebook